Altri libri per Natale 2016

Mi dicono che ormai Babbo Natale si prepara al lavoro tenendosi aggiornato sulle uscite di Bruno Vespa, infatti, ridendo e scherzando, sulle uscite natalizie del Bruno nazionale c’è ormai chi ci si regola per la transumanza, e infatti, puntuale anche per quest’anno di grazia 2016, ecco pronto da inserire sotto l’albero, o Il cacciatore silenziososotto la gamba del tavolo che traballa, che tanto è uguale, l’ultima fatica firmata dal giornalista di punta della RAI, e col titolo di “C’eravamo tanto amati“, diamo inizio a questa seconda puntata di libri desiderosi di diventare le strenne preferite del vostro Natale.

Restiamo in tema di thriller con altri due autori che sembra che non aspettino altro che avvistare le renne della slitta per andare in stampa: parliamo di Lars Kepler con “Il cacciatore silenzioso“, l’ultimo caso per Joona Linna, richiamato dal carcere per collaborare alle indagini e fermare un killer spietato e intelligente, e di Wilbur Smith con “La notte del predatore“, più un’avventura per essere precisi, che vede intrecciarsi storie personali di vita, amore e vendetta con gli interessi più grandi di stati e multinazionali. Ancora per gli amanti del thriller possiamo invece parlare de “La ragazza del parco“, di Alafair Burke, che, come quella del treno di Paula Hawkins non porta tanto bene perché la gente muore, ha saputo confezionare un’ottima storia con tutti gli ingredienti giusti, come tanti delitti, un presunto omicida perfetto senza alibi e un avvocato difensore La confraternita delle ossache decide di scommettere sulla sua innocenza; e parliamo anche di due scrittori nostrani, entrambi conosciuti e apprezzati: il primo è Antonio Fusco e in “La pietà dell’acqua” presenta l’ultima di indagine del commissario Casabona, mentre il secondo è autore dell’ultima indagine del giornalista-hacker Enrico Radeschi, si chiama Paolo Roversi e il suo libro è “La confraternita delle ossa“.

Cambiamo decisamente genere e facciamo una rapidissima incursione tra le pubblicazioni per ragazzi, come sempre ricche di novità succosissime e in questo periodo ancor di più, per parlare dell’ultima avventura della schiappa di Jeff Kinney: naturalmente si tratta della popolarissima serie del Diario di una schiappa e il nostro titolo è “Non ce la posso fare“. Visto che cambiare ci piace, lo facciamo ancora e andiamo a riprendere due protagonisti della storia e dell’arte, anche loro ultimamente decisamente affezionati al panettone, non solo, a onor del vero, ma quel panettone piace davvero a molti: parliamo di due attori di primo piano delle nostre serate televisive e dei documentari, parliamo di Alberto Angela e di Philippe Daverio. Il primo è autore de “Gli occhi della Gioconda“, uno straordinario viaggio nell’Italia del Rinascimento presentato direttamente da Monna Lisa stessa, mentre del secondo presentiamo qui “Le stanze dell’armonia“, un invito a scoprire e riscoprire i musei d’Europa, “cattedrali” dove si dieci-e-lodeconserva e tramanda la memoria collettiva spesso trascurati e snobbati.

Terminando questa seconda e forse ultima raccolta di libri natalizi, non poteva certo mancare l’amore, e chi meglio di Sveva Casati Modigliani per parlarne? Autrice di decine di storie che negli anni hanno saputo conquistare il cuore di milioni di lettrici in Italia e nel mondo, arricchisce il nostro focolare con “Dieci e lode“, una storia buona, toccante, che narra di Lorenzo e di Fiamma e intreccia i loro sogni e l’impegno per migliorare quel grande minuscolo pezzo di mondo che possono. Infine, tanto per rimanere in tema di amore e di impegno, presentiamo qui “Un viaggio che non promettiamo breve“, di Wu Ming 1, resoconto appassionato, coraggioso, disperato e necessario di 25 anni di lotta No TAV, contro ogni progetto calato dall’alto e per una vera democrazia partecipata che parte dal basso.

Dite la vostra