Attacco alla privacy 3 – Ultimi due libri

Dopo uno stop causato dal poco tempo disponibile per scrivere, torniamo ad occuparci di privacy e di sicurezza dei nostri dati, andando a completare così il tema affrontato nelle precedenti puntate, e lo facciamo in prosa, rinunciando alla rima. Mi sono infatti accorto che lo scrivere in rima è bellissimo, ma che in casi come questo, dove è importante il passaggio di informazioni, risulta essere dannoso per il messaggio stesso che, dovendo sottostare alle regole metriche, diventa lacunoso o criptico. I grandi poeti risolvevano con figure metriche ed espedienti poetici, ma io, che poeta non sono, devo badare più all’immediatezza del contenuto che alla sua forma, per cui torniamo alla prosa, sperando di fare cosa gradita.

Quindi eccoci qua e presentiamo due libri, il primo dei quali L'hacker dello smartphoneriguarda un tema che, volenti o nolenti, colpisce tutti quanti noi, o almeno tutti coloro che posseggono un tuttofonino, quegli smartphone che negli anni è diventato uno strumento imprescindibile per molti di noi, che senza internet e i suoi indubbi vantaggi sembra proprio che non riescano a sopravvivere. Bene è sapere che lo smartphone, potendosi collegare appunto a internet, è capace sì di ricevere dati di qualunque tipo, ma che è altresì in grado di mandarli i dati, dati che riguardano il possessore del telefono stesso e che magari non ha piacere di dire al mondo come si chiama, dove abita e che diavolo ami favore col suo giocattolino tecnologico. Riccardo Maggiato, nel suo libro “L’hacker dello smartphone. Come ti spiano al telefono”, si occupa esattamente di questo e dà tutta una serie di dritte e consigli per approcciarsi nel modo giusto alla scatolina che mette in connessione con tutto il mondo: quali siano le minacce e i pericoli, quali siano le basi per le intercettazioni telefoniche e quali le tecniche per spiare telefoni fissi, cellulari, smartphone e tablet, fino ai consigli per mettere il proprio telefono in sicurezza.

“Senza filtro. Chi controlla l’informazione”, di Alessandro Gazoia, va ad arricchire e completare questo tema di indubbia attualità come la privacy e la gestione dei dati, ma anche, in modo più generale, la Senza Filtrocomunicazione e il nostro modo di relazionarsi col mondo intero. Sì, perché “nel ricambio tecnologico, gli strumenti di interpretazione e le nostre stesse coscienze stanno subendo una mutazione profonda. Il crollo delle usuali mediazioni fa sì che concetti fondamentali della democrazia, quali il diritto di parola e la libertà d’informazione, vengono ridiscussi accanto a nuove categorie, come l’imperante sharing economy e i dati azionari, e parole come «inconscio» e «mercato» si miscelino in combinazioni diverse. Tutti siamo coinvolti: la stessa salute democratica passerà dalla nostra consapevolezza di fruitori e produttori di informazione. Alessandro Gazoia scrive un libro raro per profondità di analisi e capacità di inserirsi nel dibattito internazionale, interrogando insieme il lettore sulla sua capacità di creare una coscienza critica individuale che vada a formare una nuova opinione pubblica.” Consigliamo anche di approfondire il tema andando a leggersi questo bell’articolo.

Gli altri articoli e i libri di cui siamo occupati sono questo e questo.

Ciao a tutti, e che Zuckerberg NON sia con voi!

Dite la vostra